Centro storico

Centro storico di Trento

La visita di Trento non può che iniziare con una piacevole camminata attraverso l'originario centro storico medievale, impostato intorno a piazza del Duomo e alle vie Manci e Belenzani, antica via Larga e rilevante strada cittadina in quanto asse di connessione tra il Duomo e il castello del Buonconsiglio.

Bernardo Clesio cambiò l'assetto viario medievale, togliendo i portici, sistemando la roggia e dando l'avvio alla realizzazione dei palazzi nobiliari che nuovamente vi si affacciano.

Tra gli edifici più significativi si enumerano: le porticate case Cazuffi; palazzo Malfatti Ferrari, capolavoro del tardo-barocco con portale a colonne tortili e balcone curvilineo; palazzo Quatta, poi Albero-Colico, riconosciuto da due edifici uniti da una facciata dipinta con finte architetture, grottesche e festoni; palazzo Thun, innalzato nel XVI secolo e restaurato nella prima metà dell'ottocento, sede del Municipio, con facciata ritmata da due lunghi ordini di finestre.

Di fronte palazzo Pona Geremia, collocato alla fine del XV secolo, ha la facciata aumentata da due quadrifore centrali e decorata da affreschi con scene storico-mitologiche.